Libri di Giuseppe Villa - libri Àncora Libri Editore

Attenzione, controllare i dati.

Giuseppe Villa

Giuseppe Villa
autore
Ancora

Giuseppe Villa è nato a Vimercate (Mi) nel 1947 ed è presbitero dal 1977 nella diocesi di Milano. Ha svolto il suo ministero undici anni a Sesto San
Giovanni, poi altri sette a Gallarate e tredici a Muggiò. Dal 2007 risiede a Treviglio come vicario della Comunità Pastorale Madonna delle Lacrime. 

Libri dell'autore

Teologia e poesia

Saggio di teologia. Opera poetica. Contributi critici

Giuseppe Villa

editore: Ancora

pagine: 304

II libro e costituito da tre parti. La prima è un saggio sulla relazione tra la teologia e la poesia e svolge in cinque capitoli altrettante questioni e, per sommi capi, formula un'ipotesi di sintesi plausibile di una relazione "più virtuosa". II primo capitolo affronta la triplice relazione teologia, filosofia e poesia con al centro la "parola": essa richiede un loro ripensamento in nome dell'"evento", che investe certamente il linguaggio di tutte e tre. La conclusione affida al secondo il compito di descrivere il metodo della "teologia narrativa" che, senza escludere le altre forme dello studio del testo sacro, consegna alla "teologia poetante" del terzo capitolo il compito di affrontare le diversità tra la teologia e la poesia e le loro auspicabili convergenze. II quarto e il quinto capitolo affrontano rispettivamente cosa può dare la teologia alla poesia e, viceversa, cosa può dare la poesia alla teologia. A questa prima parte ne segue una seconda, che è una raccolta di poesie. La prima inizia al termine della "lettura" della parabola del Padre buono e mette in campo la scena iniziale di un grande scenario del nostro tempo, che fa scorrere tre scene in successione: la metafora della notte, la crisi della parola e un canto a tre voci. Ciascuna di queste riporta diverse poesie. L'epilogo ripresenta la scena finale della triplice confessione d'amore di Pietro, nella quale avviene l'attuale passaggio tra narratore e lettore, con la grata consegna al lettore. La terza parte contiene diversi contributi critici di esperti sulla stessa materia trattata nel saggio iniziale.
14,00 13,30

Veglio, dunque sono

Itinerario poetico confessante

Giuseppe Villa

editore: Ancora

pagine: 224

Il libro si articola in ri?essioni ai con?ni tra la teologia e la ?loso?a poetica, ma anche con aforismi e poesie. Gli uni e gli altri si addentrano nell’evolversi del pensiero occidentale proponendo un percorso indicato dal titolo: “Veglio, dunque sono”, dove il vegliare è trovarsi in un interstizio tra l’essere e il non essere, in una trama di relazioni con altri che fa essere un “tu” e un “a te”. “Veglio, dunque sono” è confessare un Altro che attrae con la sua Parola, colui che invitava i discepoli a vegliare come le dieci vergini sagge e nella prova, perché è nella prova che all’Altro si può rispondere con l’af?damento amoroso che ce ne schiude il volto più segreto dell’Amore. Il libro è la testimonianza narrata di una lunga veglia, in ascolto della Parola, in questo mondo, ai suoi margini, in cerchio attorno al Signore e con tutta l’anima.
14,00
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza i cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.